FIGLI E NOI

Noi, una famiglia di tre persone, quarantaquattro anni  io , quarantatrè  lui, nove anni compiuti da poco LEI , il nonno la chiama bertuccia….. NOI, questa famiglia  quasi come quella del mulino bianco tutto coccole e amore, tutto sorrisi e paroline dolci,  che eravamo cosi tranquilli, NOI…… Ora  LEI ha raggiunto quell’ età dove riesce ad esprimere molto bene i suoi pensieri, ora non ci siamo più NOI quelli dolci, ora ci sono io, mamma isterica,  lui, nevrotico e LEI instevrotica  (me la sono appena inventata ma credo che renda l’idea)! Bisogna ripetere le cose almeno dieci volte e poi sbirciare se le ha fatte, LEI che esce di casa la mattina, senza il grembiule, senza lo zaino, senza il quaderno…. LEI che quando deve studiare due paginette ci mette almeno tre ore e poi quando le fai una domanda ti dice: ”SCUSA NON HO CAPITO,  IN CHE SENSO?” LEI che parla sempre e se non parla fischia se non fischia canta, non riesce a stare zitta un solo instante ( si lo so da qualcuno avrà preso, ma sorvoliamo) e quando le dici di andare a lavarsi i denti ti chiede PERCHE’??? Quando le dici di farsi una doccia ti risponde, ANCORA!!!!! MA L’HO GIA FATTA  IERI!!!!! Non si ferma mai, balla in casa, in strada, nei negozi, ovunque si trovi. Sembra tutto normale ma in realtà siamo andati furi percorso, ci siamo ritrovati in un vortice di grandi giramenti di….. Testa!!!  Ultimamente devo dirvi che ha cominciato a preoccuparmi,  a scuola e casa, mi sembrava di vivere in un’altra realtà.  Momenti anche troppo difficili da gestire, purtroppo a scuola era un po’ peggiorata e quindi abbiamo deciso di chiedere un colloquio  dove  ci raccontano che tanti altri bambini sono come lei, (mi tiro su il morale) certo  bisognava  prendere  provvedimenti, ci sarà stato  un modo per uscire da qui,  infatti  due maestre veramente brave che seguono un certo metodo della nostra scuola (no Montessoriano ma simile) ci consigliano di “responsabilizzarla”!!!!! SHOCK!!!! Ho sempre pensato di averle insegnato e spiegato tante cose,  infatti è vero ma tutta teoria perché poi nella pratica sono stata  quella mamma “modello”  wonder woman che deve avere tutto sotto controllo   e  dice: “ lascia stare fa la mamma”, “non ti preoccupare amore lo fai domani”

35416204 - illustration of a disorganized room littered with pieces of trash
35416204 – illustration of a disorganized room littered with pieces of trash

e cosi per altre mille cose, poi? Poi succede che lei non è in grado di organizzarsi e di seguire veramente le  regole ne a casa ne a scuola.  Io, mi  tiro frustate e  mi incolpo di non essere una buona madre, che tutto quello che ho fatto è sbagliato, NUUUU che disperazione!!! Vi è mai successo? (vi prego ditemi di si!!!!!!!), naturalmente niente di allarmante, ci dicono che è cosa assolutamente recuperabile,” mi tiro su il morale di nuovo” mi sono sentita frustrata…..  A volte basta  tornare indietro e andare a sistemare qualche sbavatura di troppo  per rendersi conto che non è tutto sbagliato, ma in certi momenti ti prende lo sconforto,  ti trovi  in contropiede, non ho mai pensato fosse semplice fare il genitore anzi mi sono spesso  confrontata, posta  domande  le quali risposte non bastano mai, LEI è sempre stata molto vivace e all’inizio eravamo contenti  di avere  una bimba cosi  spigliata e piena di idee che  interagiva tanto e  voleva essere indipendente, forse è li che  abbiamo  sbagliato, era troppo piccola per fare certe cose (che le abbiamo impedito di fare) e quando è arrivato il momento non ci siamo  accorti  e  ci siamo  bloccati.  Fino a quattro cinque anni tutto ok ma con la scuola c’è un grande cambiamento e in un certo senso bisogna essere pronti ( anche se in realtà non lo sei mai).

La sera stessa del colloquio, le diciamo che è arrivato il momento che  dia un suo piccolo contributo a casa, senza dare troppe spiegazioni, le diciamo che ognuno ha i propri doveri ed è arrivato il momento che anche lei dia il suo perché in una famiglia bisogna aiutarsi ,  piccole  richieste assolutamente giuste e adatte all’età, oltre alle solite come  sistemare sempre la sua stanza ed i suoi vestiti piegandoli e ponendoli nell’armadio, mettere a lavare quelli sporchi, farsi la  doccia senza doverglielo dire di continuo abbiamo aggiunto:  pulizia della lettiera del gatto,(facendole notare che il gatto avrebbe apprezzato molto il gesto e si sarebbe affezionato di più a LEI) in fine apparecchiare e sparecchiare la tavola il tutto  senza più doverlo ripetere mille volte.  Ve lo dico, con queste piccole regole dalla prima settimana tutto è migliorato, c’è ancora tanta strada ma almeno qualcosa è cambiato, bisogna  sempre stare attenti a come li trattiamo in base all’età….

5 pensieri su “FIGLI E NOI

  1. Non è mai facile fare il genitore. A volte si è convinti di fare le cose giuste e poi invece basta davvero poco per entrare in panico e confusione. Per fortuna si può ancora migliorare e i primi risultati stanno arrivando 🙂

    Se mai un giorno sarò genitore pure io terrò a mente tutto ciò che hai detto 🙂

    Mi piace

      1. Ahahahah questo dipenderà anche dalla futura madre se mai ci sarà 😂

        Nel frattempo a breve (e comunque entro fine mese) diventerò zio di un maschietto. Primo nipote in assoluto 🙂 Spero che non ci sarà troppo da fare con lui 😀

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...